BOMBE SULLA SIRIA E NUOVE COLONIE, CAMPAGNA ELETTORALE DI NETANYAHU

DI ENNIO REMONDINO

Israele alla urne, politiche anticipate, il 9 aprile, e il premier israeliano riprende gli attacchi contro Bashar Assad.
-A dire agli elettori che il ritiro dei soldati Usa dalla Siria e le critiche della Russia non frenano Israele contro Teheran e Damasco (salvo incidenti).
-Approvate altre 2.200 case per i coloni ebrei in terre palestinesi

Bombe sulla Siria e nuove colonie ebraiche. Natale non ebreo e non musulmano, quindi l’attacco aereo israeliano del 25 dicembre in Siria contro presunti obiettivi iraniani, è stato ‘normale amministrazione’. Solo un po’ più violento da molte settimane a questa parte. Questa volta, oltre a prendere di mira bersagli militari, commentava ieri il quotidiano Haaretz , ha mandato un messaggio molto chiaro, o almeno, ci ha provato… CONTINUA SU REMOCONTRO:

Bombe sulla Siria e nuove colonie, campagna elettorale di Netanyahu