STRINGIAMO LA MANO ALLA GENTE DI COLORE E MANDIAMO AL DIAVOLO I RAZZISTI

DI MARCO FURFARO

Pazienza se sono minoranza, se non capisco la rabbia della gente, se tutti votano Salvini. Sono stato povero, senza niente, i miei amici andavano in vacanza o semplicemente in pizzeria e l’unica cosa che potevo fare era immaginarmelo dalla cameretta che dividevo con i mia sorella. Ma niente, niente può giustificare chi rifiuta, per giunta in una Chiesa, di stringere la mano a un bimbo di dieci anni perché nero. È il momento di dire basta, di tornare a mettere a valore lo studio, la gentilezza, l’educazione, tornare a dire che questa roba qua è merda. Senza se e senza ma, merda. E che la principale colpa ce l’ha chi del razzismo ne ha fatto una ragione politica. Quei maledetti vanno spazzati via dalla storia, se abbiamo ancora un cervello in testa.