QUANDO SALVO RANDONE SI BUTTÒ DAL TRENO PER SFUGGIRE A PAOLA BORBONI

DI SUSANNA SCHIMPERNA

Paola Borboni era nata il 1° gennaio del 1900. Un personaggio pazzesco. Una star, di quelle vere. Con tutta l’imprevedibilità, tutti i capricci, le genialate, le impennate delle star.
Per un po’ di tempo tra lei e Salvo Randone (ragazzi, parliamo di giganti qui) ci fu una grande passione. Ma Paola era una donna, appunto, anche molto capricciosa, polemica, sfinente.
Un giorno erano in treno tutti e due, ed era notte. Lei stava dando da ore un saggio della sua vis da rompiscatole di rango, e Salvo, non potendone proprio più, approfittò di un rallentamento del treno in piena campagna per buttarsi giù. Senza nemmeno la valigia, senza sapere dove fosse, in un’epoca in cui non c’erano i cellulari. Siamo negli anni ’40… Un miracolo che sia tornato vivo da chissà quale nulla.

(Lo so che è uso il primo gennaio guardare avanti… ma queste storie sono impagabili).