RAI TRE RIPROPONE “PRIMA CHE LA NOTTE”, IL BARBARO ASSASSINIO MAFIOSO DI PIPPO FAVA

DI MICHELE GAMBINO

Stasera andrà in onda in replica su Rai3 “Prima che la notte”, il film di Daniele Vicari tratto dal libro che ho scritto con Claudio per raccontare Giuseppe Fava e quel che rappresentò nella vita dei suoi ragazzi, e nella storia siciliana. Raccomando a tutti di vederlo, se già non l’hanno fatto, e soprattutto di farlo vedere ai figli. Il film non racconta solo la morte seppur nobile di un uomo, ma anche, soprattutto, il passaggio di un gruppo di persone dall’adolescenza alla maturità, nel segno di una battaglia che fece di quei ragazzi uomini e donne ricchi di umanità, profondità, esperienza, bellezza della vita. Una storia da ricordare, in tempi così gonfi d’ altro.

Mi chiedo come li racconterebbe questi tempi Giuseppe Fava. Mi chiedo se sarebbe riuscito, oggi, a radunare attorno a sé un gruppo di ragazzi disposto a seguirlo nell’avventura. Mi chiedo se sarebbe riuscito a segnare la realtà di questo tempo nella maniera dirompente che conosciamo. O se la sua potente scrittura, la struggente e bellissima difesa della sua terra devastata dal potere, si sarebbe persa nel flusso senza sosta dei social e della parole in libertà.

Non lo so, non lo saprò mai, ma va bene così. È bello possedere un certo numero di domande senza risposta. Per quanto mi riguarda, mi sono affrancato dalla superstizione di voler cambiare il mondo e mi dedico con la stessa intensità, ma più leggerezza, a nuove avventure. Però una cosa mi piacerebbe: vedere i giovani organizzarsi per opporre la libertà allo squadrismo, il pensiero all’ignoranza, l’apertura alle chiusure. Pensare che qualcuno ha preso il tuo posto e lotta con nuova energia, con nuovi desideri e speranze. E magari già accade da qualche parte, e io non lo so. Questo sarebbe bellissimo.

MICHELE GAMBINO, SCENEGGIATORE DEL FILM E REDATTORE DE I SICILIANI