CENTO ANNI FA SOCIALDEMOCRATICI E FUTURI NAZISTI ASSASSINAVANO ROSA LUXEMBURG E KARL LIEBKNECHT

DI GIORGIO CREMASCHI

“Stupidi sbirri il vostro ordine è costruito sulla sabbia”

Nella notte tra il 15 ed il 16 gennaio del 1919 la soldataglia dei corpi franchi, mercenari che poi avrebbero costituito la base del partito nazista, assassinava Rosa e Karl.
Li avevano catturati su ordine del governo socialdemocratico di Ebert e Noske, che avevano deciso di ristabilire l’ordine dopo l’esplosione rivoluzionaria che aveva travolto la monarchia.
Fino all’ultimo i socialdemocratici erano stato fedeli al Kaiser e alla sua decisione di portare al massacro il popolo tedesco. Nell’agosto del 1914 la sinistra di allora, la socialdemocrazia, in Germania come in Francia come in Gran Bretagna come in gran parte d’Europa aveva scelto di stare con il potere. Gran parte dei leader della sinistra avevano detto sì alla borghesia e alla finanza che scatenavano la prima guerra mondiale e mandavano al massacro i popoli.
Rosa Luxemburg e Karl Liebeknecht dissero no al tradimento della sinistra, assieme a Lenin e altre piccole minoranze coerenti in Europa. Per questo Rosa e Karl furono imprigionati e furono liberati solo dopo la sconfitta tedesca e l’instaurazione e della Repubblica.
Alla fine del 1918 i capi traditori della socialdemocrazia grazie alla rivoluzione popolare conquistarono il potere; potere che subito usarono per affossare la rivoluzione stessa. Per questo i capi socialdemocratici decisero di uccidere Rosa e Karl, che con la Lega di Spartaco avevano cominciato a costruire una organizzazione che voleva strappare la classe operaia e il popolo alla vecchia sinistra del tradimento. Per questo Ebert e Noske diedero via libera ai soldati massacratori, che catturarono Rosa e Karl e li linciarono. Il cadavere di Rosa Luxemburg fu gettato nel fiume e ritrovato solo mesi dopo l’assassinio.
L’uccisione di Karl e Rosa fu l’atto costituente del fascismo in Germania, prodotto dalla sinistra che allora governava.
Ricordiamolo sempre, il fascismo è figlio e complice della sinistra che tradisce i suoi scopi ed i suoi ideali per stare con il potere. Nell’Europa di oggi il martirio di Rosa e Karl ricorre nel mondo rassegnato di una sinistra che, rinunciando a sé stessa, ha fatto risorgere il fascismo. Quel martirio oggi più che mai ci dice: non mollare, continuare a lottare. Perché oggi più che mai l’alternativa è: Socialismo o barbarie.
Per gli stupidi sbirri che, oggi come ieri, pensano di avere vinto per sempre, valgono ancora le parole scritte da Rosa Luxemburg poche ore prima di essere assassinata:

“Tutta la strada del socialismo – per quel che riguarda le battaglie rivoluzionarie – è disseminata di patenti disfatte. E pure irresistibilmente questa stessa storia passo a passo porta alla vittoria finale! Dove staremo oggi senza quelle ‘sconfitte’, dalle quali abbiamo attinto esperienza storica, scienza, forza, idealismo! […] Avviene con le lotte rivoluzionarie l’esatto contrario che con le lotte parlamentari. Nelle spazio di quattro decenni abbiamo avuto in Germania in sede parlamentare solo delle ‘vittorie’, siamo passati addirittura di vittoria in vittoria. E il risultato ne fu, al momento del la grande prova storica del 4 agosto [Inizio della Grande Guerra]: una disfatta politica e morale catastrofica, un crollo inaudito, una bancarotta senza esempi. [….]
Ordine regna a Berlino! Stupidi sbirri! Il vostro ordine è costruito sulla sabbia. La rivoluzione già da domani di nuovo si rizzerà in alto con fracasso e a vostro terrore annuncerà con clangore di trombe ‘io ero, io sono, io sarò!””