IN CALO GLI INCIDENTI SULLE STRADE MA IN AUMENTO QUELLI MORTALI

DI ANNA TITA GALLO

Nel 2017 sono stati 174.933 gli incidenti stradali con lesioni a persone, in leggero calo rispetto al 2016. Le vittime sono state 3.378, morte entro 30 giorni dall’evento. I feriti 246.750.

Rispetto al 2016, si registra un aumento del numero dei decessi (95 in più, +2,9%). Tra le vittime sono in aumento i pedoni (600, +5,3%) e soprattutto i motociclisti (735, +11,9%), stabile invece il numero degli automobilisti deceduti (1.464, -0,4%) e in calo quello dei ciclomotoristi (92, -20,7%) e ciclisti (254, -7,6%).

Sull’aumento del numero di morti incide soprattutto quello registrato su autostrade (intese anche come tangenziali e raccordi autostradali) e strade extraurbane (296 e 1.615 morti; +8,0% e +4,5%). L’aumento è più contenuto sulle strade urbane (1.467 morti; +0,3%). Nei grandi Comuni però l’Istat evidenzia una tendenza opposta: un -5,8% del numero di vittime nell’abitato.

Rispetto al 2016 gli incidenti e i feriti registrano una lieve diminuzione (-0,5% e -1,0%). Stabile il numero dei feriti gravi, che secondo i dati di dimissione ospedaliera sono stati 17.309 (-0,1%). Il rapporto tra feriti gravi e deceduti è sceso a 5,1 da 5,3 dell’anno precedente. Il tasso di lesività grave sulla popolazione residente è di 28,6 feriti gravi per 100mila abitanti (40,1 per gli uomini e 17,7 per le donne).

Tutto questo mentre nel 2017 crescevano del 7% le prime iscrizioni di veicoli e il parco veicolare cresceva dell’1,7%; in aumento anche le percorrenze autostradali (+2,2%) con quasi 84 miliardi di km percorsi.

Anche l’uso del cellulare tra i comportamenti fatali

Distrazione alla guida, mancato rispetto della precedenza e velocità troppo elevata (nel complesso il 40,8% dei casi) sono tra le cause di incidenti segnalati dall’Istat. Le violazioni al Codice della Strada più sanzionate sono l’eccesso di velocità, il mancato utilizzo di dispositivi di sicurezza e l’uso di telefono cellulare alla guida.

Confronto con l’Unione Europea

In Ue diminuisce di poco il numero delle vittime di incidenti stradali (-1,6% rispetto al 2016). Sono stati registrati 25.315 decessi (25.720 del 2016). Nel confronto tra il 2017 e il 2010 – anno di benchmark della strategia europea per la sicurezza stradale – i decessi si riducono del 19,9% a livello europeo e del 17,9% in Italia. Si parla comunque di 49,7 morti per incidente stradale ogni milione di abitanti in Ue e 55,8 nel nostro Paese. L’Italia in questa macabra classifica scende dal 14° al 18° posto.

Contraddizioni soltanto apparenti

Alcuni dati meritano una riflessione più approfondita. Innanzitutto, mentre spesso si tende a parlare di strade pericolose soprattutto per chi viaggia in bicicletta, pare che invece siano soprattutto motociclisti e pedoni a essere coinvolti in incidenti. Come mai?
In realtà cresce il numero delle vittime tra i pedoni, ma non in un contesto urbano. Non solo. Nel 79% dei casi, le vittime sono over 65, quasi tutte sono state travolte da auto ma cresce il numero di moto coinvolte. Sicuramente questa fascia d’età è più a rischio perché cammina molto a piedi, ma dobbiamo anche considerare un altro dato contrario le aspettative: non è sempre colpa della velocità elevata di auto e moto, come si potrebbe affermare senza esitazioni.

La velocità eccessiva è la terza causa di incidente con lesioni (10,3%). La causa primaria risulta essere infatti la distrazione (16%), seguita dal mancato rispetto di precedenze e dei semafori (14,5%). Seguono poi il non rispetto della distanza di sicurezza, manovre scellerate e in certi casi anche i comportamenti del pedone stesso, che magari non presta abbastanza attenzione prima di attraversare la strada, o lo fa con gli occhi fissi sul cellulare e così via. In altre parole, se sommiamo l’età avanzata delle vittime ai comportamenti non corretti dei guidatori, ecco spiegata la gran parte degli incidenti sulle strade italiane. E vale anche per i motociclisti, che sono vittime dei propri comportamenti ma anche di quelli di altri guidatori o di azioni improvvise dei pedoni, ai quali non riescono a reagire al meglio fronteggiando l’imprevisto con prontezza di riflessi.

Se non basta più educare, la tecnologia può salvarci

Si può educare forse ad un maggiore rispetto delle regole e a moderare la velocità, ma contro la distrazione è più complicato agire. Non tutto è perduto però. Le auto stesse, sempre più tecnologiche, possono aiutare a ridurre il numero degli incidenti. Ormai guidare è un’esperienza, le auto non sono più soltanto un mezzo di trasporto: quando si sale a bordo si entra in un mondo iperconnesso, in cui i nostri device – a partire dallo smartphone – interagiscono con la vettura, rispondono a seconda delle nostre preferenze e ci garantiscono una guida personalizzata nel dettaglio. Ma tecnologia significa anche maggiore sicurezza. Le auto del prossimo futuro sono dotate di sensori, di sistemi di frenata automatica, di avvisi in caso di uscita dalla carreggiata e riconoscono quando il semaforo diventa rosso rallentando progressivamente la vettura. E, naturalmente, riconoscono i pedoni sulle strade e gli altri veicoli in movimento, tutto preziosissimo se guardiamo ancora ai dati Istat e teniamo conto del fatto che la maggior parte degli incidenti avviene su strade non urbane, dove la visibilità magari si riduce, così come l’attenzione da parte del guidatore.

I produttori mettono in evidenza proprio queste novità per proporre sul mercato nuovi modelli, sempre più tecnologici e sofisticati, ma è importante non lanciare messaggi controproducenti che potrebbero spingere il guidatore a preoccuparsi meno del proprio comportamento, nella certezza assoluta che il proprio mezzo rimedierà alla sua crescente distrazione. Proprio per questo, ad esempio, all’inizio di un video della Toyota che  illustra le soluzioni installate a bordo in tema sicurezza c’è un avviso: “I guidatori devono sempre essere responsabili delle proprie condizioni di sicurezza. Guidate con prudenza e fate attenzione a ciò che vi circonda. A causa delle condizioni delle strade, degli altri veicoli, del meteo… il sistema potrebbe non funzionare come si immagina”.

In calo gli incidenti sulle strade ma in aumento quelli mortali