DE BELLO GALLICO DI MAIO-PARIGI SUL FRANCO COLONIALE DA WIKIPEDIA

DI ENNIO REMONDINO

Ancora alta tensione diplomatica sull’asse Roma-Parigi. L’ambasciatrice d’Italia nella capitale francese, Teresa Castaldo, è stata convocata al ministero degli Esteri francese dopo le parole del vice premier Luigi Di Maio sulla ’moneta coloniale’.
Tripla accusa da parte di Di Maio: neocolonialismo, lo sconto sul loro debito pubblico, e la produzione di nuovi migranti contro di noi.  Il vicepremier Di Maio durante una manifestazione M5S in Abruzzo ha affermato che «la Francia continua ad avere delle colonie di fatto, con il franco». Parigi usa quelle risorse «per finanziare il suo debito pubblico e indebolisce le economie di quei paesi da dove, poi, partono i migranti».Tripla nefandezza gallica: neocolonialismo, lo sconto sul loro debito pubblico, e la produzione di nuovi migranti contro di noi. Nuovo capitolo delle tensioni Roma Parigi, ora tocca a Di Maio (di solito è Salvini), bersaglio fisso (e facile) Macron.