ANCHE SANREMO 69 HA UN CATTIVO. LA ROLLS IN ESTASI DI ACHILLE LAURO

DI LUCA MARTINI

Lui non può che dirsi contento di essere paragonato agli Smashing Pumpkins. Questo in relazione a un’accusa di plagio che arriva via tweet. A ‘denunciare’ Achille Lauro è stato il decano del rap italiano Frankie Hi Nrg che su Twitter ‘regala la notizia a Striscia’: Rolls Royce di Achille Lauro è sputata 1979 degli Smashing Pumpkins (ricordate Billy Corgan?).
Ma il campione che ‘cita Vasco Rossi e De Gregori, Elvis Presley e Amy Winehouse, e li mette tutti sulla sua Rolls Royce’ (Gino Castaldo, Repubblica.it) ha altri motivi per passare per cattivo.
Lo dice scherzando su FB uno dei più attenti e acuti scrutatori della scena rock, Gigio Rancilio:
Per favore, qualcuno avverta i colleghi nella sala stampa di #Sanremo che la Rolls Royce cantata da Achille Lauro non è l’auto ma un tipo di ecstasy.
Grazie. Così noi prima abbiamo sentito gli Smashing Pumpkins, sempre un piacere, e poi dato un occhiata al prontuario delle droghe. In effetti, il celebre simbolo alato delle Rolls si chiama Spirit of ecstasy (è bastato cercarlo su Wikipedia) e se googlate ‘rolls royce ecstasy pill’ ci sono anche le foto della elegante pastiglietta e dei danni che ha provocato di recente.
Insomma, anche il Sanremo Buono (non buonista) di Claudio Baglioni ha il suo perfido trappista, il suo vilain, colto e a suo modo spiritoso. Basta qualche parola della canzone, tutta citatoria:
Sdraiato a terra come i Doors
Vestito bene via del Corso
Perdo la testa come Kevin
A ventisette come Amy
Rolls Royce
Si come Marilyn Monroe
Chitarra in perla Billie Joe
Suono per terra come Hendrix
Viva Las Vegas come Elvis
Oh Rolls Royce
No non è vita è Rock’n Roll
Letta ora, alla luce dello spirit of ecstasy fa un altro effetto.