IO CHE SONO STATO UN SENATORE 5 STELLE

DI FRANCESCO CAMPANELLA

La perdita dell’innocenza.
Per anni e anni il PCI andò fiero della sua diversità.
Iscritti ed elettori erano effettivamente differenti: io tra tanti ho sempre ritenuto che se un “compagno” sbagliava aveva sbagliato due volte e non doveva essere coperto dal partito.

Non è che la pensassimo tutti allo stesso modo, frequentando il PDS dovetti accorgermi di un pezzo della cultura politica che sempre mi aveva dato fastidio: la logica del “difendi il tuo a torto o a ragione” o del “i panni sporchi si lavano in famiglia”.
Forse questi atteggiamenti sono tipici di tutte le organizzazioni. Certamente sono deteriori per la società.

L’Italia è stata rovinata da questa omertà complice che si è manifestata e a livelli diversi si manifesta ovunque, nelle pubbliche amministrazioni e nelle Spa, nell’esercito e nella chiesa, nei carabinieri e nei partiti. A volte anche nella magistratura.

I 5 stelle mi parevano diversi. HO VOLUTO crederci. E mi sono scandalizzato veramente quando un grillino, davanti alle mie denunce interne al mio vecchio meetup mi disse “i panni sporchi si lavano in famiglia”. Anche qui pensai? Ma saranno una minoranza, interessata.
Sbagliavo.
Oggi, dopo anni è chiaro: l’appartenenza ha vinto sui principi enunciati, anche tra i 5 stelle.
I motivi per rifiutare enunciati dagli iscritti? Qualsiasi avvocato è pagato per trovarne, belli e confezionati (alcuni che si leggono su Fb fanno piangere per l’ingenuità faziosa).

La mia opinione è netta. Prima la applicavo solo ai rappresentanti, li ho conosciuti ed ho misurato le motivazioni personalistiche, spesso misere – e si è visto. Quasi mai ideali. Adesso gli iscritti sono stati chiamati a condividere la responsabilità e l’hanno accettata.

Fine dei giochi. E fine della tanto decantata innocenza.

Adesso, diciamolo con chiarezza è ancora più chiara la responsabilità di quanti a sinistra continuano a difendere la propria rendita di posizione, impedendo la nascita di una forza appetibile per tutti i progressisti che avevano votato il m5s e che adesso sono stomacati.

Ce la diamo una mossa?