GLI EX GOVERNATORI DELLA LOMBARDIA E DEL VENETO HANNO AVUTO GROSSI GUAI CON LA GIUSTIZIA

DI TEFANO SYLOS LABINI

A tutti quelli che sono a favore di una maggiore autonomia delle regioni del Nord in nome dell’efficienza e di minori costi, vorrei ricordare che oltre a sfasciare lo Stato centrale, gli ex governatori della Lombardia e del Veneto hanno avuto grossi guai con la giustizia. Altro che avvicinare chi governa ai cittadini, direi avvicinare chi governa alle cricche affaristiche. Galan si è fatto 78 giorni di carcere per poi patteggiare una pena di 2 anni e 10 mesi ai domiciliari restituendo 2,5 milioni di euro. Formigoni è stato appena condannato a 5 anni 10 mesi per un giro di corruzione pari a 61 milioni di euro di cui 6 sono finiti nelle tasche dell’ex governatore.

Il decreto Dignità va nella direzione giusta perché la flessibilità del lavoro ostacola lo sviluppo dell’economia. Il lavoro “usa e getta” non può consentire di avere lavoratori con una più elevata qualificazione professionale e quindi di orientare le attività economiche verso uno sviluppo di qualità. La maggiore flessibilità del lavoro rappresenta un vano tentativo di comprimere il costo del lavoro trascurando gli investimenti nell’innovazione e il miglioramento della qualità dei prodotti. Un tentativo che non sarà mai sufficiente a fronteggiare la competizione che proviene dai paesi con un basso costo del lavoro e che sta alimentando la deindustrializzazione del nostro Paese.

Risultati immagini per GLI EX GOVERNATORI DELLA LOMBARDIA E DEL VENETO HANNO AVUTO GROSSI GUAI CON LA GIUSTIZIA