VECCHIE STORIE SU STANLEY DONEN

DI ALBERTO CRESPI

 

A proposito dell’immenso Stanley Donen, che se n’è sicuramente andato in un posto migliore, e sempre per lanciare sassi nello stagno: vorrei ricordare un aneddoto sempre istruttivo che riguarda la scena di “Singin’ in the Rain” postata qui sotto.

Jean Hagen, che nel film interpreta Lina Lamont, la diva del muto con la voce chioccia, aveva in realtà una bella voce calda. Per interpretare Lina, la modificava ad arte.

Debbie Reynolds, che interpreta Kathy Selden, era invece un’ottima ballerina e una brava attrice ma non era – eufemismo – una grande cantante. Per cui, nelle canzoni, fu doppiata.

E da chi fu doppiata?

Da Jean Hagen, che cantava benissimo.

Per cui nella scena in questione, che nella finzione vede Kathy “doppiare” Lina, in realtà avviene esattamente il contrario: è Jean Hagen a doppiare Debbie Reynolds.

Giustizia è fatta. E questa è anche per i talebani che idolatrano la presa diretta e disprezzano i doppiatori (per la cronaca in italiano Jean Hagen è doppiata da Zoe Incrocci, semplicemente fantastica).

Il doppiaggio, qui, è arte.

YOUTUBE.COM