MANCA IL TRADUTTORE DAL CASERTANO, PROCESSO FERMO

DI GIORGIO DELL’ARTI

Manca il traduttore dal casertano, processo fermo
Al Tribunale collegiale di Belluno un processo per violenza sessuale è fermo da quasi tre mesi perché non si è trovato un interprete del dialetto casertano stretto. Occorre trascrivere 26 ore di registrazioni di insulti e aggressioni accompagnati da frasi idiomatiche e parolacce, tutte indirizzate dall’imputato, A.C., 37enne casertano, contro l’ex compagna. La consulente della Procura (salernitana) ne ha trascritte una parte ma ha abbandonato il compito perché non comprende gran parte delle frasi. Ora ci proverà un appuntato dei carabiniere di Caserta appena arrivato al comando di Belluno.


Un caso di violenza sessuale di gruppo nei pressi di Cantù
Al termine di un’indagine durata otto mesi, i carabinieri hanno messo in galera cinque, tra marocchini e albanesi (tutti regolari, venuti in Italia con padri e madri che in Italia lavorano), che lo scorso luglio hanno violentato quattro ragazze poco più che quattrodicenni in un bilocale che si trova nel piano alto di un condominio in uno dei paesi intorno a Cantù, provincia di Como. «Degli aguzzini, uno ha ammesso, con vaghezza, delle responsabilità. Gli altri tacciono, e se parlano negano. Le versioni delle vittime sono concordanti, e i fatti che una di loro ha denunciato, la settimana successiva all’agguato, sono stati confermati dalle altre. Poi ci sono le immagini contenute nel cellulare di uno dei ragazzi, e veicolate sui telefonini degli altri. Il branco aveva scelto una ragazza in particolare, una sedicenne, forse con l’idea agghiacciante e assurda di «punirla per mancate attenzioni», forse per scommessa, e aveva ordinato alle amiche di neanche pensare di urlare: sarebbero finite di sotto, lanciate dal balcone. La vittima è stata inseguita e scaraventata a terra fra il piccolo salotto, il bagno e la camera da letto; è stata circondata, denudata, insultata. Ha provato a reagire, nonostante fosse da sola a combattere. Ha supplicato, invano. L’hanno palpeggiata e intanto quello continuava a girare i video, giurando che se lei non la smetteva di far resistenza, allora di lì a pochi minuti tutti quanti avrebbero ricevuto i filmati. Alcune delle ragazze non erano lucide: sembra che prima di arrivare al bilocale, abbiano fumato delle canne, s’ignora se costrette o per scelta, e abbiano bevuto, birre e forse superalcolici» [Galli, CdS].

Il dodicenne che s’è gettato dalla finestra dopo una nota
A Coriano, in provincia di Rimini, un dodicenne si è buttato dal secondo piano della scuola media poco dopo aver ricevuto una nota per non aver fatto i compiti a casa. Il ragazzino, che si è lanciato dalla finestra durante il cambio dell’ora, è rimasto ferito ma non è in pericolo di vita. Secondo alcune testimonianze, di recente avrebbe avuto un lutto in famiglia.