IL BELPAESINO CHE NON CONTA NULLA ASPETTA I CINESI

DI ALBERTO NEGRI

Privo ormai di una politica estera, nella tradizione degli ultimi governi, il Paesino_ precedentemente ex Italia_ guarda le proteste in Algeria, la cattura dei giacimenti Eni nel Fezzan libico e gli accordi Sarraj-Haftar, come se tutto questo non lo riguardasse. In compenso si balocca con la Tav, il Veneuzela, le primarie del Pd, incolpa la Francia, che fa i suoi interessi, sproloquia con Bruxelles e le agenzie di rating, senza accorgersi che non conta nulla. Va così maluccio che può sperare solo che se lo comprino i cinesi. Il Belpaesino.