DAL MOVIMENTO 5 STELLE 8 PROPOSTE PER L’OTTO MARZO

DI MARINA POMANTE

In occasione della festa della donna, il Movimento 5 stelle ha presentato in sintesi ed in video le proposte per l’attuazione di Misure tese al miglioramento della condizione femminile.
Nel video, pubblicato sul sito: ilblogdellestelle.it si avvicendano nell’illustrazione del progetto alcune donne del Movimento.
Con parole chiare e senza ricorrere al “politichese”, come sono soliti fare gli esponenti pentastellati, vengono spiegati gli obiettivi che tutti dovremmo cercare di perseguire.
Il Movimento 5 stelle, da sempre attivo in favore del sociale ed attento alle carenze di una politica distratta, cerca anche in questo caso di sopperire ai disequilibri da troppo tempo presenti nel nostro Paese, questa pagina nuova che si apre va a toccare le delicate corde dell’emisfero femminile, cercando di risolvere le fragilità, troppo spesso ingenerate da logiche maschiliste che preferirebbero la donna, un gradino dietro…

 

Apre il video Elisa Scutellà ammonendo sul rischio di lasciare che l’otto marzo resti una giornata simbolica se non si “riempie” di riforme, proposte e fatti concreti.

 

Le fa seguito Iolanda Di Stasio, che introduce il progetto denominato: “Codice Rosso”, un dispositivo atto alla creazione di quella che viene definita: una corsia preferenziale, per le indagini a protezione delle donne che denunciano episodi di violenza.

 

Carla Giuliano continua sul Codice Rosso spiegando che è già stato proposto un percorso formativo per gli operatori delle Forze dell’ordine impegnati contro la violenza alle donne.

 

Nel breve video informativo è poi la volta di Stefania Ascari che, come prima firmataria della proposta sulle nuove norme per combattere la violenza sulle donne, illustra come si sia posto l’accento sui reati odiosi di maltrattamento, violenza sessuale e stalking, a partire dall’inasprimento delle pene.

 

E’ Valentina D’Orso che spiega come nella legge che si vuole proporre si intende colpire chi vuole cancellare l’identità di un’altra persona, aggredendola e provocandole lesioni gravissime al volto.

 

Angela Salafia informa come grazie ad una mozione del M5S, il Governo si sia impegnato nella creazione di una mappa completa dei Centri antiviolenza presenti su tutto il territorio nazionale, affinché si possa avere un monitoraggio completo e costante per un aggiornamento sui bisogni di questi Centri.

 

Continua Francesca Businarolo dicendo che nella Manovra appena approvata è prevista una norma che consente alle donne in gravidanza di poter scegliere di lavorare fino al nono mese e di andare in maternità per i cinque mesi successivi.

 

Come viene precisato da Elisabetta Barbuto, quest’anno il Dipartimento per le Pari Opportunità ha ricevuto ben 33 milioni di euro per la promozione di iniziative concrete in tutto il Paese.

 

Nel video poi continua Maria Edera Spadoni e illustra come prima firmataria, la proposta di legge in cui si prevede che le donne vittime di violenza che sono già inserite nel percorso di protezione e di assistenza dai servizi sociali, possano anche rientrare nelle categorie protette.

 

Conclude Valentina Palmisano, precisando che queste sono solo le #8proposte principali messe in campo dal Movimento ma che altre sono in cantiere e presto saranno rese note. La Palmisano prima di chiudere il suo intervento dice quanto ci sia da fare per le donne, ribadendo come non ci siano confini, barriere e soprattutto colori politici!

 

ttps://m.facebook.com/story.php?