SERIE A: IL MILAN VINCE ANCORA,2-1 A VERONA.PIATEK ANCORA DECISIVO, MA IL CHIEVO PROTESTA

Di VANNI PUZZOLO

 

Il 19’ sigillo del “pistolero” polacco consente ai rossoneri di conquistare tre punti preziosi e di consolidare il terzo posto.
Il Chievo protesta. Gattuso espulso.
Nel primo tempo in gol Biglia con una magistrale punizione e pareggio di Hetemaj.

Gattuso aveva capito che era il momento di alternare qualcuno e sapeva che la gara non sarebbe stata facile, tutt’altro.
Il Chievo, ultima e ormai senza speranze, una vittoria in 26 gare di campionato, si conferma però squadra seria e arcigna, e forse il punto lo avrebbe anche meritato.

Nel primo tempo dopo una mezz’ora di grande equilibrio, dove non succede praticamente nulla, il Milan usufruisce di una punizione dal limite, contestata dai clivensi, ma giusta, e Biglia trova una parabola straordinaria mettendo la palla nel “ sette”.
La partita si scalda, Gattuso litiga con Meggiorini e viene espulso, e Hetemaj, al minuto 41, sul finire del primo tempo, si libera bene di Conti, un po’ leggerino, e di testa batte Donnarumma, interrompendo un’imbattibilita’ di 460 minuti.

Anche il secondo tempo regnava su un sostanziale equilibrio, anzi era il Chievo che aveva una palla-gol ma su mischia il tiro di Meggiorni trovava una gamba rossonera provvidenziale.

Gattuso sostituisce uno spento Paqueta’ con Calhanoglu, e il bomber polacco trova il gol partita, al minuto 57.
Il gol è molto contestato, perché Piatek sembra compiere un intervento di gioco pericoloso con un tentativo di rovesciata, Paieretto però non fischia e nel proseguo dell’azione la zampata vincente di Piatek, in posizione regolare, è decisiva.

Il Var La Penna con un ceck conferma il gol e Pairetto è sicuro di avere ben valutato sul campo e così decide di convalidare senza andare alla review.
Essendo un episodio soggettivo, sarebbe stato meglio che fosse andato a rivederlo, anche perché il suo assistente aveva alzato la bandierina, ma così non è e i tanti tifosi rossoneri presenti possono esultare.

Piatek centra il suo 19 gol, e il suo sesto in campionato con il Milan, abbassando ulteriormente la sua strepitosa media gol, ora arrivata a 70 minuti per ogni gol.

Sorrentino e tutto il Chievo, protestano e probabilmente a ragione, ma il Milan coglie la sua quinta vittoria consecutiva e rafforza il suo terzo posto.

Il Milan continua il suo cammino con il vento in poppa, certo la condizione non sembra ottimale, ma gli episodi girano a favore, e l’entusiasmo e la consapevolezza crescono.

Gattuso ha alternato Conti con Calabria e lo squalificato Rodriguez con Laxalt, un turno di riposo, in vista del derby anche per Bakayoko e Calhanoglu, con Bilia e Castillejo titolari, il Milan ha disputato una gara onesta e volenterosa ma nulla più, poi, come spesso accade, l’episodio a favore, o contro, determina il risultato.

L’arbitraggio di Pairetto assolutamente insufficiente.