“LA BANALITÀ DEL MA”, IL PENSIERO CALDO DI MAURO BIANI

DI VANNI CAPOCCIA

Le vignette di Mauro Biani non sono aggressive, non mirano alla pancia ma al cuore delle persone. Non per esaltare i buoni sentimenti, nemmeno per contrapporre le ragioni del cuore a quelle della ragione, ma per stimolare un pensiero caldo che diventi forza della ragione.

Lo dimostra “La Banalità del ma” edito da People; raccoglie gli ultimi tre anni di lavoro di Biani, vignettista de Il Manifesto e L’Espresso. Un tratto (inconfondibile) e un pensiero coerenti. Disegni poetici e morali che evitano di diventare lo sfogatoio per qualcosa che brucia dentro, pacati ma saldi sui valori inducono riflessione e penetrano a fondo nella coscienza.

Disegnano l’Italia di oggi e ci descrivono per quello che siamo diventati: insensibili e cinici, incattiviti e razzisti. Lasciando l’amaro in bocca, ma anche la sensazione che l’autore (non a caso è un educatore professionale) non abbia completamente perso la speranza che l’uomo possa trovare dentro di sé, e con i suoi simili, le ragioni per un agire solidale e non egoistico.

Risultati immagini per MAURO BIANI