IL PREFETTO DI MILANO, NIENTE MANIFESTAZIONE, NIENTE FESTA PER I CENTO ANNI DEI FASCI

DI LUCA SOLDI

 

 

 

Mentre a Prato i rappresentati delle istituzioni nazionali non hanno ancora preso posizione a Milano il prefetto ha già deciso.
Nessun “23 marzo nero”, nessuna manifestazione che CasaPound stava organizzando a Milano per il centenario dei Fasci italiani di combattimento. Il Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica ha deciso che “per evidenti e gravi ragioni di ordine e sicurezza pubblica non sarà comunque consentita alcuna iniziativa in luogo pubblico che abbia carattere commemorativo o rievocativo”.
E questo, precisa la Prefettura, nonostante “al momento, non è stato presentato alcun preavviso di manifestazione per il 23 marzo, in coincidenza con il centenario della fondazione dei ‘fasci di combattimento’”. Il caso era stato sollevato nei giorni scorsi da Repubblica. “La manifestazione che CasaPound sta organizzando a Milano è oltremodo oltraggiosa. Auspico che il prefetto e il questore la vietino”, aveva scritto il sindaco Beppe Sala in un post su Facebook, dopo la denuncia dei mezzi d’informazione.
Diversa la situazione a Prato, malgrado il forte clima di preoccupazione che si respira in città, malgrado le proteste di cittadini, associazioni ed istituzioni, la manifestazione di Forza Nuova continua ad essere prevista per sabato 23.
Prefetto e questore al momento sembrano non ravvedere gli estremi che comportino la cancellazione del raduno in città.
Avrebbero rimandato la decisione alla prossima settimana.
Vogliono capire meglio se l’adunata potrebbe essere contraria allo spirito della Costituzione della Repubblica ed alle leggi dello Stato .