LE POLEMICHE SULLA CITTADINANZA RIPORTANO ALLA MEMORIA UNA STORIA ANALOGA

DI GUIDO OLIMPIO

Le polemiche su cittadinanza ai bambini del bus mi ha fatto tornare una storia che avevo seguito nel 2007, in Usa.

Fine novembre 2007. Alice Tomko e il figlio Christopher di 9 anni sono nel deserto nel sud dell’Arizona, lungo una strada sterrata. E’ una breve escursione in un’area al confine con il Messico, qui c’è un lago.
Per ragioni non chiare l’auto finisce in una scarpata, la donna muore, Chris se la cava. Non sa cosa fare, è sotto choc. Si incammina su un sentiero e qui si imbatte in un uomo, Manuel Soberanes (foto), un clandestino messicano. In questo settore è alto il flusso di illegali e anche di trafficanti.
Chris non parla spagnolo ma porta Manuel fino al punto dell’incidente. Il clandestino non scappa, ma conforta il bimbo, lo assiste, accende un fuoco. Dopo 14 ore sono trovati da un gruppo di cacciatori.
Soberanes sarà espulso dagli Usa e tornerà in seguito solo per pochi giorni per una breve cerimonia in suo onore.