SONO 703 I MORTI SUI LUOGHI DI LAVORO. E I CONTRIBUTI INAIL VENGONO TAGLIATI

DI FABIO VENNERI

Sono 703 i morti sui luoghi di lavoro.
Con i morti sulle strade e in itinere, considerati dallo Stato e dall’INAIL come morti sul lavoro arriviamo a oltre 1450 lavoratori morti per infortuni.

Ed il Ministro dello Sviluppo Economico e del Lavoro si vanta di aver “tagliato” i contributi INAIL.
Questi soldi saranno reperiti anche con un taglio di 110 milioni alla formazione sulla sicurezza.

Perché per lui la prevenzione degli infortuni è un costo da tagliare e un impegno concreto da mantenere!