TAGLIERANNO SPESE PER I TRASPORTI, SPESE PER WELFARE, SPESE PER LA CULTURA

DI SERGIO DI CORI

Un anno davvero meraviglioso.

Tutte le previsioni del governo giallonero sono andate in frantumi.
Il ministro Tria, domani, ufficializzerà che da un +1,5% di pil si passa a un “forse” +0,2%.
Di conseguenza, vanno tagliati subito almeno 2 miliardi di spese dei ministeri.
La scelta (così sembra al momento) è quella di tagliare spese per i trasporti, spese per welfare, spese per innovazione, spese per la cultura.
Una bellezza così grande, era da molto tempo che non si vedeva.

Ma gli italiani (un popolo sveglio, colto, evoluto) segue tutto l’andamento con grande partecipazione.
I sondaggi, infatti, ci rivelano che le 3 notizie più seguite in assoluto sono: fidanzata del Di Maio con baci e baciotti: fidanzata del Salvini con mano nella mano; l’annuncio-confessione della figlia di Francesco Rutelli e Barbara Palombelli, che spiega commossa di essere stata presa nella 19esima edizione de il grande fratello, essendo questa “la più grande ambizione della mia vita”.
El pueblo unido commosso applaude i suoi beniamini: della destra, della sinistra, dei sedicenti “oltre”.

Così va il paese, oggi.

QUOTIDIANO.NET
Tagli ai ministeri per due miliardi. E la speranza è innalzare il Pil allo 0,3-0,4% grazie a cantieri e sgravi