ANCHE I TASSAPIATTISTI DI GOVERNO AMMETTONO CHE SARA’ UN ANNO BRUTTISSIMO

DI ENRICO ROSSI

È vero che da qui a dopo le elezioni non succederà nulla e che i tassapiattisti fanno chiacchiere insulse.
Ma almeno il governo è stato costretto a dire la verità: non ci sarà crescita e non sarà un anno bellissimo; per ogni pensionato con quota 100 ci sarà soltanto il 35 per cento di nuovi assunti e non 3 come era stato promesso.
Il governo dice invece una sonora bugia quando afferma che troverà 18 miliardi dalla vendita di immobili pubblici.
Quando si è alla canna del gas i governi di destra dicono così.
Lo aveva fatto anche Tremonti poco prima della Troika e delle politiche di austerità del governo Monti.