ROMA, BLITZ CONTRO I CASAMONICA. 23 ARRESTI

DI ANNA LISA MINUTILLO

Risveglio movimentato per la città di Roma, oggi ancora un blitz ed ancora all’indirizzo dei Casamonica. Finite agli arresti sono 23 persone tra cui anche sette donne. L’operazione denominata ” Gramigna bis” è il proseguimento della prima operazione a nome “Gramigna”. che si è svolta l’estate scorsa portando all’arresto di ben 37 persone. I capi di accusa per i tratti in arresto sono: usura, intestazione fittizia di vari beni, estorsione e spaccio di sostanze stupefacenti, il tutto con l’aggravante del metodo mafioso.

Cospicuo il numero dei carabinieri interessato al blitz . Sono infatti 150 le unità che dalle prime luci dell’alba con l’aiuto delle unità cinofile e di un elicottero, si sono prodigate nelle perquisizioni e negli arresti che oltre ad interessare Roma si estendono ad altre provincie oltre che in altre regioni d’Italia.

Gli arrestati appartengono alle famiglie Casamonica, Spada e Di Silvio. Attraverso un tweet, il sindaco di Roma Virginia raggi ha ringraziato il Comando Provinciale dei Carabinieri e i giudici della Procura di Roma, per l’operazione svolta.

Ringraziamenti espressi anche da Salvini alle forze dell’ordine queste le sue parole: “Grazie agli inquirenti, nessuna tregua ai criminali”, ha detto il vicepremier sottolineando che presto sarà ad Anzio per “restituire ai cittadini una villetta confiscata”.
Anche Nicola Morra, presidente della commissione parlamentare Antimafia, ha ringraziato le forze dell’ordine e la magistratura “che ancora una volta, con il loro lavoro, hanno dato un duro colpo a uno dei clan mafiosi più pervasivi e più sottovalutati che esistono nella capitale d’Italia. Troppe volte si è sottovalutato il gruppo dei Casamonica, derubricandoli a piccolo fenomeno criminale. Usura, spaccio, intestazione di beni fittizi e violenza sono mafia e va ribadito. Roma sta reagendo e ribadendo che la città vuole essere libera e vivere nella legalità”.
Ulteriori particolari saranno resi noti nel corso di un incontro che Michele Prestipino, procuratore aggiunto della Dda di Roma, terrà presso gli Uffici della Procura della Repubblica di Roma, alle ore 13.