GUERRA USA ALL’IRAN, RICATTO SANZIONI, PETROLIO ALLE STELLE E PASTICCI ITALIANI

DI ENNIO REMONDINO

Washington annuncia dal 2 maggio gli Usa non rinnoveranno le esenzioni di 180 giorni concesse ad otto paesi, tra cui l’Italia, per quanto riguarda la cessazione delle importazioni di petrolio dall’Iran. Tehran minaccia di chiudere Hormuz. Pechino e Ankara respingono la decisione Usa.
-L’Italia obbedisce e non fa nulla per salvare quello che era il rapporto economico privilegiato con l’Iran. Padroni del mondo. Soli in occidente a rompere l’accordo sul nucleare con l’Iran, il ricatto della amministrazione Trump al resto del mondo. Washington annuncia che dal 2 maggio gli Usa non rinnoveranno le esenzioni di 180 giorni concesse ad otto paesi, tra cui l’Italia, per la cessazione delle importazioni di petrolio dall’Iran. Gli otto paesi oltre all’Italia sono Cina, Turchia, India, Giappone, Corea del Sud, Taiwan e Grecia. Gli Usa minacciano sanzioni nei confronti di chi non seguirà il diktat… CONTINUA SU REMOCONTRO:

Guerra Usa all’Iran, ricatto sanzioni, petrolio alle stelle e pasticci italiani