GLI ORFANELLI DI MANDURIA

DI FRANCESCA DE LUCA

 

Credo che – oltre L’orrore verso chi è in grado di compiere atti così feroci, ripetutamente e senza nessuna causa scatenante (ammessa che ne esistano di valide), oltre la rabbia verso l’omertà di chi ha lasciato una persona fragile morire non solo di botte ma soprattutto di dolore e solitudine, oltre questo, credo ci sia molto da riflettere. Il nome della chat “la compagna degli orfanelli” è un pugno allo stomaco che ci racconta di una società che ha fallito, di figli così tanto protetti, troppo protetti, da sentirsi soli. Così tanto giustificati, così troppo spalleggiati, da non avere nessun valido riferimento autorevole. Avete ragione voi, siete orfani. Orfani perché schiavi di una generazione di genitori/amici che spesso fanno i figli, di una classe politica che vi insegna che lafragilità e debolezza sono segni della vergogna, sono problemi da schiacciare e non piume di cui avere cura.
Siete orfani. Una della vostre madri ha detto che non ha cresciuto un mostro. Avete ragione. Siete dei mostruosi orfani, crudeli, efferati. E forse non è nemmeno solo colpa vostra.