IL VICEDIRETTORE DEL CORRIERE DELLA SERA HA TACIUTO SULLA STRAGE DI BAMBINI IN GRECIA

DI GIORGIO CREMASCHI

Federico Fubini, vicedirettore del Corriere, ha confessato a TV2000 di aver taciuto sulla strage di bambini uccisi dalle politiche di austerità in Grecia. Migliaia di bambini, secondo una ricerca della rivista Lancet, morti per la carenza di cure, servizi sanitari, cibo. Gli assassini e i complici hanno nomi e cognomi, sono gli autori dei memorandum e i governanti che li hanno accettati, Juncker Draghi Schauble Merkel Hollande Macron Monti Renzi e anche Tsipras, solo per citarne alcuni. Memorandum imposti alla Grecia dalla criminale TROIKA, cioè da UE Fondo Monetario e Banca Centrale Europea, nel nome del risanamento dei conti pubblici, memorandum che hanno distrutto stato e servizi sociali e portato la civiltà del paese indietro di sessant’anni. E ucciso bambini poveri. Ricordiamo che Monti dichiarò come la Grecia fosse il più grande successo dell’euro.

Ecco, per sostenere questo successo, così come le altre imprese feroci del liberismo e dell’imperialismo, decisivo è stato ed è ancora il ruolo dei mass media.

Che hanno diffuso fake news e taciuto là verità. Ora il vice direttore del Corriere della Sera confessa in tv di aver taciuto la verità sconvolgente dei bambini assassinati dal l’austerità. E ammette di averlo fatto consapevolmente, per non favorire gli anti UE. Mi spiace, ma non è scusato e non è scusabile, il suo pentimento è ipocrita tardivo ed inutile. Anche perché censure e menzogne continuano a giustificare le politiche liberiste, le aggressioni e le guerre dal Medio Oriente al Venezuela.

La confessione di Fubini conferma ciò che sappiamo da tempo: per difendere il potere politico ed economico i mass media tacciono o falsificano la realtà, perché se essa fosse presentata pubblicamente come è davvero, beh sarebbe più difficile impedire di cambiarla.

https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-sconvolgente_confessione_del_vicedirettore_del_corriere_della_sera_che_ha_taciuto_sulla_strage_di_bambini_in_grecia/6121_28263/