LA VIRGOLA, RECALCATI, LA VIRGOLA

DI MICHELE ANSELMI

Di sicuro lo psicoanalista “lacaniano” Massimo Recalcati è un soave esperto di pulsioni, oltre che un noto seduttore televisivo, ma sulle virgole arronza un po’. Un suo commento sul primo numero della nuova “Repubblica”, intitolato “Da Narciso al gendarme”, ovvero da Berlusconi a Salvini, comincia così: “L’impietosa maschera di Berlusconi corrosa dal tempo, illumina il declino della destra cosiddetta liberale nel nostro Paese”. Non ci farà caso nessuno, lo so, e però trattasi di intellettuale sopraffino, quindi avrebbe avuto senso, con tutto il rispetto, piazzare una virgola anche prima di “corrosa dal tempo”, volendo dare l’idea di una proposizione incidentale; altrimenti la frase regge benissimo senza punteggiatura. Ma quella virgola sistemata così, diciamo a cavolo di cane, proprio non ci sta. Soggetto, verbo, complemento oggetto…