COLPI D’ACCETTA SULLA SPESA PUBBLICA

DI NICOLA FRATOIANNI

Conte ammette che sarà complesso evitare l’aumento dell’IVA e che per accumulare i miliardi necessari, stanno lavorando a una spending review e alla revisione delle esenzioni fiscali.
Tradotto dal politichese vuol dire che tireranno qualche colpo d’accetta alle spese pubbliche per i servizi, come un qualunque governo Monti, e taglieranno qualche possibilità di alleggerimento fiscale per le famiglie.
Pagano sempre i soliti. Siamo gli unici a chiedere una tassa sulla ricchezza per restituire il maltolto al ceto medio e ai più poveri.
C’è una rivoluzione da fare.