TANGENTI E CORRUZIONE: AGLI ARRESTI DOMICILIARI IL SINDACO DI LEGNANO

DI CHIARA FARIGU

E’ bufera su Legnano, una delle roccaforti del Carroccio. La Guardia di Finanza di Milano, su ordine della Procura di Busto Arsizio, ha eseguito tre ordinanze di custodia cautelare.

Ai domiciari, il primo cittadino Giambattista Fratus (Lega) e l’assessore al Decoro e Arredo Urbano Chiara Lazzarini (F.I.). Direttamente in carcere il titolare della delega al Bilancio, nonché vicesindaco Maurizio Cozzi (F.I.).

I tre dovranno rispondere di turbata libertà degli incanti, turbata libertà del procedimento di scelta del contraente, nonché di corruzione elettorale.

Una tegola non indifferente su un’amministrazione comunale da tempo in crisi (la giunta è caduta il 29 marzo scorso, dopo essere stata sfiduciata dalla metà dei consiglieri comunali) e che ora dovrà rispondere di queste nuove e pesanti accuse.

Sono in corso perquisizioni da parte degli inquirenti.

I particolari dell’operazione denominata ‘Piazza Pulita’, che ha richiesto l’intervento di ben 50 guardie di finanze, verranno resi noti da un’apposita conferenza stampa nel corso della giornata.

L'immagine può contenere: 1 persona, con sorriso, in piedi, occhiali e spazio all'aperto