QUESTA VICENDA DELL’INSEGNANTE DI PALERMO E’ PREOCCUPANTE

DI MARCO SAPPINO

Questa vicenda dell’insegnante di Palermo è preoccupante. Si può consentire o no con quanto hanno fatto i suoi studenti paragonando il decreto sicurezza di Salvini alle leggi razziali fasciste del ’38. Dovrebbe tutto rientrare in un cammino di formazione e di insegnamento che, fino a prova contraria, è garantito libero dalla Costituzione. Solo dei burocrati ministeriali ottusi e servili potevano far scattare misure previste per gravi violazioni e pubblico allarme. Ma va bene così, va bene così. Più si rendono ridicoli, vessatori e autoritari, più può crescere la consapevolezza della loro pericolosità. Finirà che, come per i Littoriali, si apriranno gli occhi di una generazione sana e ribelle. Si parva licet…