L’EUTANASIA DELLA STAMPA

DI GIULIO CAVALLI

L’eutanasia della stampa si è consumata ieri, strillata su tutti i maxischermo degli aeroporti e delle stazioni che ci dicevano come una ragazza olandese appena diciassettenne avesse avuto diritto all’eutanasia dopo essere stata vittima di uno stupro. Una notizia data così, secca, senza verificarne l’autenticità e soprattutto senza nemmeno controllare le fonti, quel poco che basta per provocare un po’ di sdegno, un dibattito praticamente sul nulla e poter urlare tutti insieme che non è possibile riuscire a ottenere l’autorizzazione alla morte così giovane.

Pochi si sono presi la briga di raccontare, mentre il chiacchiericcio continuava indomito, che la povera Noa Pothoven (questo il nome della ragazza) in realtà di stupri ne avesse subiti più di uno in giovane età, che non sia mai riuscita ad uscirne e soprattutto che non c’è nessuna legge olandese che le permettesse di morire (secondo alcune ricostruzioni le istituzioni olandesi le avrebbero presentato un ultimo tentativo di recupero e avrebbero al massimo autorizzato di prendere in considerazione l’eutanasia legale all’età di 21 anni).

Noa invece non voleva aspettare così tanto e quindi si è lasciata morire, di fame e di sete, usando i suoi ultimi giorni (e le indicibili sofferenze) per salutare le persone a lei care. Nessuna eutanasia, quindi. Gesto volontario di lasciarsi deperire.

Ma a deperire davvero è quella stampa che pur di trovare una buona notizia da fare ripetutamente cliccare si inventa qualcosa che non è accaduto offendendo perfino la morte, pro domo sua, e andando consapevolmente a toccare i fili scoperti di un dibattito che garantisce condivisioni e interazioni sui social. E non sarà un caso che mentre in Olanda la notizia si è meritata un mezzo trafiletto qui invece sia stata declamata con la grancassa dappertutto, come un’orchestra rumorosa e stonata desiderosa di ottenere un po’ di attenzione.

Hai voglia poi a chiedere la misura alla politica, se i media ne sono l’esatto riflesso, la giusta rappresentazione.

https://left.it/2019/06/06/leutanasia-della-stampa/