UN LEADER CARISMATICO COME BERLINGUER NON HA BISOGNO DELL’ELOGIO STORICAMENTE INFONDATO DI RENZI

DI FABIO MARTINI

L’ex presidente del Consiglio Matteo Renzi ha voluto ricordare Enrico Berlinguer con belle parole, ma lo ha fatto anche con un passaggio clamorosamente infondato: “In un’epoca difficile è stato il leader che per primo ha portato la sinistra italiana dalla parte giusta della storia nei posizionamenti mondiali”. Negli anni Ottanta Berlinguer ebbe il merito storico di separare il destino del Pci da quello dell’Unione sovietica, ma a sinistra quel distacco – e con molta maggiore forza – risale ad alcuni decenni prima: dopo il ventesimo congresso del Pcus, Pietro Nenni ruppe col sistema comunista, molti intellettuali del Pci lasciarono il partito, Di Vittorio fu isolato per il suo atteggiamento critico. Ci sono tante ragioni per ricordare Berlinguer, ma facendolo con i concetti sbagliati non si aiuta una corretto apprezzamento per l’ultimo leader carismatico che abbia avuto la sinistra italiana