LE INTERCETTAZIONI DEL GIGLIO MAGICO

DI VINCENZO VASILE

Ermini farà quello che gli sarà detto di fare da me, che sono il padrone del Gioco. Secondo Repubblica è questa la frase di Lotti finora coperta da omissis che ha fatto dire al pg della Cassazione che l’ex ministro Pd è “un imputato che ha influenzato la nomina del Procuratore”. Basterebbe quell’altro avvertimento al suo compagno di partito (e ancora di osservanza renziana?), vicepresidente del CSM, nell’intercettazione invece resa pubblica (Ermini si deve svegliare) per capire che bell’ambientino si radunava a Roma negli alberghi e nelle cene attorno al palazzo dei marescialli. Solo “inopportuno” è tutto questo trafficare sulle nomine dei magistrati interessati ai processi del giglio magico? Uno che “si deve svegliare”, suggeriamo, sta nello spoglio ufficio del Largo del Nazareno