MOLDAVIA, IL SOLO GOVERNO LEGITTIMO, L’OLIGARCA IN FUGA, LADRONI E COMPLICI

DI ENNIO REMONDINO

L’insolita alleanza Russia Stati Uniti e pressioni politiche internazionali generalizzate mettono in riga le velleità dell’oligarca Vladimir Plahotniuc (nella foto a sinistra con accanto il mancato doppio premier Pavel Filip) e suoi adepti isolati col sostegno solo di Romania e Ucraina, e già questo dice molto. Svolta politica legittimata e qualche speranza per il futuro dello stato più povero d’Europa. In Moldavia ma non soltanto, la coerenza in politica non è più una virtù. E spesso neppure un po’ di dignità, a salvare almeno la faccia. Un decreto assolutamente illegittimo della locale Corte costituzionale contro la formazione del nuovo governo di Maia Sandu, prima smentito e poi ritirato. Dimissioni per buona creanza e dignità, notizia non pervenuta. L’ex premier Pavel Filip, che aveva indetto nuove elezioni dopo essere stato nominato dalla Corte nuovo presidente ad interim, alla Guaidò, si è dimesso e ha riconosciuto l’autorità del nuovo governo… CONTINUA SU REMOCONTRO:

Moldavia, il solo governo legittimo, l’oligarca in fuga, ladroni e complici