PER UNA VOLTA UNO NON MI CITA TOTTI MA … SORPRESA: MATTARELLA

DI EMILIO RADICE

Per una volta uno non mi cita Totti ma……sorpresa: Mattarella! E’ un giovane poliziotto kazako incontrato per strada, uno sui vent’anni, una speranza. Simpatico, gentile. Come sempre ci rivolge interrogativi incomprensibili e come sempre uno non sbaglia se risponde “Italia, siamo Italiani”. E lui tira fuori un netto “Italia, Mattarella!”. Beh, l’ho ringraziato. Ci sono stati anni e anni di “Berlusconi” e “mafia”. Poi tutta la sequela dei calciatori: Totti, Buffon, Chiellini…”. E Totti devo dire che tiene ancora bene. Ma Mattarella non mi era capitato mai. Ho ringraziato il soldato col pollice alzato e sono andato via. Metti che avesse aggiunto a quello del Presidente anche altri nomi….. Una sgassata e via, non ci voglio pensare