A LAMPEDUSA NON TUTTI HANNO FATTO IL PROPRIO DOVERE

DI VANNI CAPOCCIA

 

Carola Rackete è libera perché ha fatto il suo dovere. Chi a Lampedusa non ha fatto il proprio dovere è stato chi l”ha fotografata mentre veniva sottoposta al rituale della foto segnaletica che per l’opinione pubblica equivale a etichettare una persona come delinquente.

Foto che non doveva essere fatta e che per responsabilità di quel tutore dell’ordine è finita in rete e ha fatto il giro del mondo, esponendo la Capitana Carola a una gogna mediatica.

A Genova i poliziotti che picchiarono il giornalista di Repubblica sono andati in fila dal giudice per dissociare la loro responsabilità da quella dei colleghi. Anche i responsabili della foto a Carola dovranno essere invitati da superiori e commilitoni a farlo.

Se non accadrà dovrà essere la magistratura a individuare il responsabile salvando così l’onore del corpo di polizia di cui fa parte e restituendo completamente l’onore alla Capitana Carola Rackete.