PARLATECI VOI DI BIBBIANO

DI EMILIO MOLA

Quando vi dicono: “Vogliamo la verità su Bibbiano. Perché non ci parlate di Bibbiano?”, rispondete: “Perché non me ne parli tu?”.

Provateci. Fidatevi che è divertente: soprattutto dal vivo, perché vedrete nei loro occhi il panico, la confusione e crollare di botto tutte le certezze create in questi giorni. E’ come infilare un bastone tra i raggi di una bici in corsa. E se fate silenzio, e prestate attenzione, sentirete anche gli ingranaggi nel cervello saltare e i neuroni urlare correndo da una parte all’altra mentre alcuni di loro si cospargono di benzina e altri si infilano una pistola in bocca.

Di solito la conversazione procede così:

“Eh?….”

“Dico, perché non mi parli tu di Bibbiano? Io di Bibbiano so quello che sanno tutti. So quello che hanno scritto i magistrati nelle 277 pagine di ordinanza di custodia cautelare. So che i presunti responsabili, 29 in tutto, sono stati arrestati e/o indagati e saranno processati. So che quindi un presunto e orribile sistema criminale a danno di famiglie e bambini è stato fermato e smantellato. A me questo basta. E’ quello per cui di solito si chiede verità no? Ma se tu sai altro su questo orribile fatto di cronaca parlamene, ti prego”.

“Eh sì, fatto di cronaca. E il PD?”

“Ah cazzo, è coinvolto il PD?!”

(qui di solito gli interlocutori si dividono in due: quelli che capiscono un po’ di penale, iniziano a sentire puzza di bruciato, sanno che stanno per pestare un merdone grande quanto una casa e decidono di troncare qui la discussione. E poi ci sono quelli che credono che i post di Salvini e Di Maio siano il verbo. E proseguono, fieri. Analizziamo questi).

“Certo che è coinvolto il PD”.

“Ah cazzo. Non lo sapevo. Ma è gravissimo. Cioè il PD è coinvolto in questo sistema di maltrattamenti nei confronti dei bambini?”.

“Beh… sì. Infatti il PD tace”.

“Ma non è che tace perché questa storia è un fatto di cronaca gravissimo ma che con la politica non c’entra un cazzo e non si capisce perché dovrebbe parlarne e cosa dovrebbe dire?”.

“No no, tace perché gli conviene”.

“E perché gli coinviene? E’ coinvolto?”

“Certo”.

“Mamma mia, ma è gravissimo. E senti, forse io mi sono distratto, ma mi indicheresti esattamente a che pagina, nell’ordinanza del gip, è scritto che il PD faceva queste cose ai bambini? Che io non lo trovo”.

“Bello. Guarda che il sindaco arrestato di Bibbiano è del PD”.

“Sì sì lo so che è del PD, ma il sindaco di Bibbiano è stato arrestato per non aver seguito «la procedura amministrativa corretta per l’affidamento dei servizi e di un immobile. Ma lo stesso Procuratore Mescolini ha detto, parole sue, che il sindaco “Non è coinvolto nei crimini contro minori”. Quindi, mi spieghi in che modo è coinvolto il PD?

“Se ha aiutato quell’associazione vuol dire che comunque c’è qualcosa sotto. Che sa. E siccome è del PD tutto il PD sa e tace”.

“Ma guarda che anche i 5 Stelle hanno aiutato quell’associazione. E non un solo sindaco, ma l’intero partito ha finanziato l’associazione al centro dello scandalo con ben 195mila euro. E oggi una consigliera regionale dei 5 Stelle si è dimessa pur di difendere uno degli arrestati. Eppure non ci sogneremmo mai di concludere che anche i 5 Stelle sono coinvolti”.

“Eh sì, vabbé”.

“No perdonami, eh si vabbé il cazzo. Ora mi spieghi. Tu mi stai dicendo che in una vicenda tanto orribile c’è un intero partito nazionale coinvolto. Talmente coinvolto da tacere su questa storia. Siccome su queste cose non si scherza, sono di una gravità inaudita, ora tu mi fai nomi e cognomi dei dirigenti del partito coinvolti, mi elenchi carte e documenti che è volontà del PD maltrattare quei bambini, mi dici come e quando sono stati coinvolti e mi dici esattamente dove questo emerge nell’ordinanza”.

“Ma nell’ordinanza non c’è”.

“E allora se nell’ordinanza non si parla del coinvolgimento del PD nei maltrattamenti allora delle due l’una: o tu stai mentendo e stai accusando degli avversari politici innocenti di fatti gravissimi, diffamandoli e calunniandoli per mera speculazione politica. Oppure tu sai qualcosa che i magistrati non sanno e devi quindi andare a denunciare quello che sai. Devi dire tu cosa sai e perché taci su Bibbiano”.

“…”

“Sei sciacallo o sei coinvolto? Decidi. Parlamene tu di Bibbiano”.