IN UNO STATO DI DEMOCRATICO LE REGOLE VALGONO PER TUTTI

DI EMILIANO RUBBI

 

Fatemi capire.

Quando uno stretto collaboratore di Salvini è stato intercettato mentre contrattava una maxi tangente da parte del governo russo in cambio, presumibilmente, di “favori” da parte del nostro governo in ambito internazionale, il ministro dell’interno prima ha finto di non conoscerlo, poi, di fronte alle evidenze, ha iniziato a non rispondere più alle domande.
E gli elettori leghisti se ne sono tranquillamente fregati.

Quando la magistratura ha chiesto che il ministro dell’interno fosse processato per sequestro di persona e i grillini hanno impedito che venisse processato, gli elettori leghisti hanno festeggiato.

Quando Salvini e compagnia bella hanno sparso bufale sui nordafricani che avrebbero ucciso il carabiniere a Roma, prima che si scoprisse che erano stati due americani, in un primo momento gli elettori leghisti hanno iniziato a sbraitare contro gli immigrati, poi se la sono presa con quelli che facevano notare che, in uno Stato di diritto, non si può bendare e legare i sospettati alle sedie in caserma, accusandoli di essere dei “buonisti” e di non parlare abbastanza del carabiniere. Carabiniere che, nel frattempo, aveva sostituito Bibbiano nella classifica delle cose di cui bisognava “parlare prima”, un po’ come Bibbiano aveva soppiantato i terremotati in tenda e gli immigrati negli hotel.

E adesso vi aspettate che capiscano che un ministro non può far giocare il figlio con le moto d’acqua della polizia, protetto da un cordone di forze dell’ordine che impediscono alla gente di fare delle foto?
L’ha fatto “da papà”.
A loro sta bene così.
Al massimo, quelli più svegli, vi possono rispondere: “E allora l’Air Force Renzi?” oppure vi esorteranno a parlare del Carabiniere, o di Bibbiano.

Sul serio vi aspettate che capiscano che un ministro non è un Re o un DVCE e che in uno Stato esistono delle regole che valgono per tutti?
Davvero?

Siete meravigliosi e vi adoro, ma forse non avete ancora capito bene in che situazione siamo finiti.

L'immagine può contenere: una o più persone, persone sedute, oceano, spazio all'aperto, acqua e natura