LA LEZIONE DELLA STRAGE DI EL PASO

DI MARIO PIAZZA

Un “suprematista bianco” sabato scorso ha aperto il fuoco sui clienti di un magazzino frequentato da Ispanici ammazzando 20 persone e ferendone molte altre. Una strage crudele ed inutile, che però almeno un pensiero utile dovrebbe produrlo.

Immaginate di essere uno psicopatico sull’orlo di una crisi di nervi e immaginate di odiare con tutte le vostre forze qualcosa che lascia completamente indifferenti tutti gli altri.
Che so, ad esempio i gatti.

La vostra voglia di sterminare tutti i gatti è tenuta a freno dall’isolamento, dalla percezione che la vostra fobìa non è minimamente condivisa dalla comunità in cui vivete, ma che succede se il capo della vostra comunità rende legittima la vostra follìa e addirittura si esibisce nel mettere in pratica ciò che avreste sempre desiderato fare?

E’ ciò che sta facendo Trump negli USA, non contro i gatti ma contro i Latino-Americani.

E’ ciò che sta facendo il Salvini in Italia, non contro i gatti ma contro Africani e Musulmani.

E questo è ciò che accade in America e che potrebbe accadere in Italia. Qualche episodio di piccole dimensioni già lo abbiamo sperimentato.