ROMANZO VIMINALE (CAPITOLO 1)

DI FABIO VENDITTI

ROMANZO VIMINALE
Capitolo 1

“Ah Frè che dici, ‘o parcheggiamo?”
“E daje Libano, poi pare che i cattivi semo sempre noi”.
“Ma a me me sta sur cazzo”.
“E perché? Nun c’avemo abbastanza cazzi a cui pensà”?
“Ma questo vo’ affogà ‘a ggente in mare. Saranno pure negri, ma mica è tanto giusto”.
“Quanno le guardie vonno affogà è sempre sbaijato. Mò annamo a dormì, poi vedemo”.
“Prima ‘na canna? Quella testa de cazzo nun vole. Lui se ‘mbriaca e basta”.
“E allora famose ‘sta canna, Libano. Giusto pe mannà affanculo ‘sta testa de cazzo. Come se chiama”?
“Ma che cazzo te ne frega. ‘Na testa de cazzo è ‘na testa de cazzo e basta”.