SERVE UN FRONTE ANTI-LEGHISTA

DI GIO ALAJMO

Credo poco ai sondaggi occasionali, perché poi quando si vota davvero è altro affare. Di fatto però sono incontrovertibili due o tre cose. La voglia di uomo forte a destra ha fatto fagocitare a Salvini il centrodestra e il presenzialismo della Meloni, qualunque cosa dica, ha concentrato su di lei l’ultradestra. Quindi ci si avvia verso una maggioranza autoritaria e populista, anche se non assoluta. I 5stelle pagano la loro supponenza. Essere antisistema è facile a parole ma quando sei su una poltrona devi far valere fatti e competenze, e su questo il movimento è totalmente fallito. L’alternativa latita. Il pd è inesistente come progetto e presenza e mostra tutta la sua debolezza umana prima ancora che politica. In un clima del genere l’unica soluzione sarebbe un fronte unico progressista con un programma limpido e attento alla realtà della gente. Ma anche così (e la litigiosità interna per accaparrarsi l’1,9% di nulla fa dubitare) ci vorrebbe ben altro per contare più di uno scarso 30 per cento che non serve a nulla.