IL GOVERNO LEGA-5STELLE È NATO GRAZIE AL TRADIMENTO FATTO DA SALVINI A BERLUSCONI E ALLA MELONI

DI EMILIO MOLA

Ma ci rendiamo conto della gravità delle cose che ha detto il Ministro dell’Interno nella sua ultima diretta Facebook? Delirio, balle o minacce? E dette dal ministro delle forze di polizia può essere consentito e tollerato in una democrazia occidentale?

“Mai darò il mio via libera al rientro nelle stanze del potere ai Renzi e alle Boschi”.

“Mai darò il MIO via libera”?!
E chi sarebbe lui per dare o meno il via libera?!

Da quando è Salvini ad avere il potere di dare o meno il via libera per il governo a dei partiti e a dei parlamentari democraticamente eletti dal popolo? Non era il Presidente della Repubblica il solo ad avere questo potere?

E ancora: “Non darò mai a nessuno la soddisfazione di aprire i portoni a Renzi e ai signori del Partito Democratico”.

Ah sì? E come lo impedisce se loro invece vogliono accordarsi?
Se Salvini non ha, come non li ha, i poteri legali e costituzionali per “non dare questa soddisfazione”, sta mentendo o sta per caso annunciando “altre vie” “non costituzionali? Sta mentendo il ministro Salvini o sta annunciando l’uso di “altri mezzi” per impedire un governo a lui non gradito?

E insiste: “L’ultima delle cose che faccio è riaprire le porte agli sciagurati del Partito Democratico”.

“L’ultima cosa cha faccio?”. Che fa lui??

E da quando queste porte sono nelle sue mani? Lo sono? In quale modo, legale e costituzionale, vuole impedire la riapertura delle porte del governo al secondo partito più votato alle elezioni politiche? Come? Con la forza? O è ancora una balla detta ai suoi elettori che considera talmente idioti da potersi bere questa balla?

“Se non c’è un governo la via maestra sono le elezioni”.
E da quando Ministro Salvini?

Ministro Matteo Salvini, siamo una Repubblica parlamentare, studi! Così come il governo Lega-5Stelle è nato in Parlamento (e non nelle urne, dove eravate avversari), allo stesso modo in Parlamento può nascere qualunque altro governo che sia sostenuto dalla maggioranza e che abbia il via libera dal Presidente della Repubblica.

Dov’è scritto nella nostra Costituzione che l’unico governo valido in una legislatura è il primo che si forma? E chi lo ha detto che un governo tra avversari (quale è stato quello giallo-verde) è consentito, ma un governo tra altri avversari no?

In che senso un governo PD-5Stelle (a prescindere da come la si pensi) sarebbe un “tradimento”, un “inciucione”, un “ribaltone” del voto, e invece un governo Lega-5Stelle no?

Forse sarebbe bene ricordare che Lega e 5Stelle, prima delle elezioni politiche, non erano candidati assieme: proprio come non lo erano PD e 5Stelle.

E che il governo Lega-5Stelle è nato grazie al tradimento fatto da Salvini a Berlusconi e alla Meloni e a tutto l’elettorato di centrodestra, a cui Salvini aveva promesso che mai avrebbe governato con i 5Stelle.

“Gli unici traditori qui sono quelli che dovessero tradire il voto popolare”.

Ministro Salvini, il voto popolare ha stabilito che i due partiti più votati il 4 marzo siano stati 5Stelle (32%) e Partito Democratico (19%). La Lega Nord (17,5%) è arrivata terza. Se c’è un governo che più di altri governi ha tradito il voto popolare è stato proprio quello tra Lega e 5Stelle.

Quanto ancora i suoi fan faranno finta di non capire la pericolosità o in alternativa l’ipocrisia e la patologica tendenza a mentire e tradire di questo vecchio professionista della politica e del marketing scambiato per leader?
Per quanto tempo ancora vorranno fingere di non essere trattati da lui come sudditi o come i peggiori ignoranti?