SIMON GAUTIER. UNA TRAGICA FINE SU CUI NON SI DEVE SPECULARE

DI VALERIA CALICCHIO

https://www.alganews.it

 

Due parole sulla tragica fine di Simon Gautier (senza speculazioni, ce ne sono già troppe): le responsabilità sui soccorsi e la tempistica (ammesso che ci siano) le accerterà la magistratura, inutile far polemica su questo. Il dato vero è un altro: il Cilento è un territorio complesso e selvaggio. Questo è parte del suo fascino sicuramente, ma le istituzioni territoriali e il Parco hanno degli obblighi. Tragedie come questa (non è il primo caso, negli ultimi anni molti escursionisti si sono persi con esiti per fortuna diversi) possono essere evitate. È necessario disporre una segnaletica adeguata e soprattutto interventi mirati sulla sentieristica, dare informazioni corrette a tutti i livelli, perché troppi sottovalutano le difficoltà di un territorio impervio. I percorsi vanno tracciati (tutti) e puliti costantemente. Non serve altro per la prevenzione. Il Parco Nazionale dovrebbe fare questo e non limitarsi a consegnare targhe. La bellezza da sola non basta e il turismo ambientale non deve essere lasciato al caso o alla buona volontà dei singoli. Nella gran parte dei parchi italiani è già così, basta seguirne l’esempio, non è difficile.