TROVATO MORTO IN UN BURRONE IL TURISTA FRANCESE SCOMPARSO

DI GERARDO D’AMICO

Forse poteva salvarsi se l’Italia avesse avuto a disposizione una piattaforma da poche migliaia di euro che permette di identificare la posizione GPS di chi chiama il 112 mentre oggi si può sapere solo quale sia l’ultima cella telefonica che ha agganciato il cellulare, ma ricopre un raggio vastissimo.

Questo sistema è già in uso in altri Paesi dell’Unione, si chiama AML.

Per questo sistema l’Unione Europea ha versato soldi all’Italia, perché fosse installato.

Qualcuno non lo ha fatto. Questo ragazzo non è stato trovato in tempo. Se ce l’hanno, questa morte pesa sulle loro coscienze.

RAINEWS.IT