CONTE, RAPPRESENTANTE ISTITUZIONALE DEGNO DELLA NOSTRA STORIA

DI DINO GIARRUSSO

Un colosso.
Un titano.
Un gigante assoluto.

Come rappresentante del Movimento Cinquestelle mi sento profondamente orgoglioso di aver contribuito a portare a capo del governo un grande italiano, il professor Giuseppe Conte.

Dopo anni di mezze figure, capetti imbarazzanti dallo spessore nullo e dall’ego ipertrofico, grigi burocrati e mitomani incapaci di alcuna empatia col popolo, la giornata di oggi rivela -anche a chi avesse deciso finora di tapparsi gli occhi e le orecchie per sordida convenienza- che un leader dalla statura indiscutibile c’è, e non a caso è l’italiano più apprezzato e rispettato in Europa.

Credo che oggi più che mai, tutti gli esponenti del M5S: attivisti, cittadini, portavoce, semplici simpatizzanti ed elettori tutti, debbano sentirsi fieri del frutto di anni di lotte e di un agire politico indomito e trasparente, osteggiato tanto dai poteri intoccabili di questo martoriato paese, quanto dai finti rappresentatnti di una posticcia opposizione, da sempre funzionale a quei poteri, a quello squallore, a quella gestione indegna della cosa pubblica.

Con Giuseppe Conte l’Italia ha finalmente un rappresentante istituzionale degno della nostra storia e della nostra grandezza.

Comunque vada, io oggi dico posso dire soltanto grazie, grazie di cuore ad un grande, grandissimo italiano.