DELLA SERIE “CE L’HANNO PURE LE TELLINE”

DI MARIO PIAZZA

Sarà capitato a tutti di voler conquistare le grazie di una fanciulla incomprensibilmente riluttante, di quelle un po’ bruttine e decisamente stupide che per qualche irripetibile ragione hanno ottenuto la vostra attenzione.

Voi siete bellocci, decisamente colti ed avete pure un bel macchinone ma lei niente. Lei ha il doppiomento, una voce da gesso sulla lavagna, si veste ai magazzini Gum, ha l’ascella pezzata e quel che più conta è appena stata lasciata da un fidanzato terribile, tuttavia invece di cadere tra le vostre braccia “come corpo morto cade” insiste a tenersela ben stretta con atteggiamenti da superstar.

E questo non mi va bene, e quell’altro lo devi fare a modo mio, e quest’altro ancora proprio non lo sopporto… E’ evidente che sta testando la possibilità di sfruttarvi senza rinunciare a nulla esorcizzando nel contempo la propria mediocrità.

Beh, se proprio siete determinati ad ottenere le sue discutibili grazie date retta ad un marinaio che ha a lungo navigato:
Ditele sempre di sì su tutto, risparmierete tempo e fatica. Ci sarà modo “dopo” per rimetterla al posto suo e se serve rispedirla da dove è venuta.

Capito, Zinga?