ADDIO A DON ACHILLE SILVESTRINI

DI RICCARDO CRISTIANO

Dunque non è più con noi il grande diplomatico, don Achille Silvestrini. A chi si occupa di Medio Oriente vorrei ricordare che senza la sua determinazione a far inserire nell’esortazione apostolica “una speranza nuova per il Libano” che i cristiani di quel mondo appartengono alla cultura araba, in quel mondo il difficile commino del Concilio Vaticano II non sarebbe cominciato neanche negli anni Novanta, ci sarebbero ancora i calci dei fucili con l’effige della Vergine Maria. Arrivederci eminenza!