E’ MORTA SAHAR KHODAYARI LA RAGAZZA IRANIANA CHE SI E’ DATA FUOCO

DI SUSANNA SCHIMPERNA

È morta Sahar Khodayari, la ragazza iraniana di nemmeno trent’anni che il 12 marzo scorso, pur di vedere la sua squadra del cuore allo stadio, l’Esteghlal, si era travestita da uomo.
L’avevano notata, arrestata per oltraggio al pudore, condotta nel carcere di Qarchak che è considerato particolarmente orribile. Rilasciata su cauzione, domenica 1° settembre ha saputo che doveva tornare in carcere, condannata a sei mesi di reclusione. Terrorizzata all’idea di tornare a Qarchak, disperata per l’ingiustizia e la vergogna, Sahar allora si è data fuoco. Dopo giorni di agonia, il suo cuore ha ceduto poco prima dell’alba.
Non è stato un suicidio. È stato un mostruoso femminicidio.

Visualizza immagine di origine