MOLLATE GLI ORMEGGI, SI SALPA

DI MARIO PIAZZA

Ottenuta la fiducia con insperati margini anche al Senato, la navigazione del governo Conte-bis può finalmente cominciare.

Come sulla Sea Watch, sulla Alan Kurdi e tante altre, anche a bordo della Conte-bis ci sono soccorritori e naufraghi. I soccorritori del PD che hanno raccolto i naufraghi del M5S un attimo prima che annegassero tra i gorghi del voto anticipato.

L’analogia non finisce qui, perchè come i naufraghi africani anche i grillini sono reduci da un viaggio allucinante e da una detenzione disumana nel lager leghista durati 15 mesi.

Occorre che i soccorritori piddini restituiscano ai naufraghi la dignità e garantiscano loro un soggiorno confortevole senza però rinunciare al controllo della nave, perchè la rotta verso un porto sicuro sarà ostacolata dalle insidie naturali e dai cannoneggiamenti dell’opposizione, e solo degli esperti marinai potranno farcela.

Dalla metafora alla realtà, ecco che una nave vera è già in rotta di collisione con la Conte-bis. Si chiama Ocean Viking ed ha a bordo 84 naufraghi.

Basteranno un paio di giorni per capire chi regge il timone del governo, per vedere se il nuovo “umanesimo” invocato da Conte è qualcosa di più serio di una bella frase in un discorso, per verificare se i pentanaufraghi sono davvero disposti a collaborare per raggiungere il porto sicuro di fine legislatura.