CIAO PIERO, GRANDE COLLEGA E GRANDE COMPAGNO

DI ALESSANDRO GILIOLI

Più che un maestro Piero Scaramucci è stato proprio quello che senza saperlo mi ha convinto a fare questo mestiere perché da ragazzo volevo essere come lui.

L’ho rivisto pochi mesi fa alla pasticceria Cucchi di Milano, a chiacchierare della radio e di politica, ed era battagliero lucido e figo come sempre, e ho pensato di nuovo che a 80 anni avrei voluto essere come lui.

Ecco, in sintesi avrei sempre voluto essere come lui.

Credo di non essere affatto il solo in questo, tra gli ex ragazzi di Radiopop.

Ciao Piero, grande collega e grande compagno.