SCONFITTA IN ROMANIA DAL CLUJ, LA LAZIO ESCE CON LE OSSA ROTTE ANCHE IN EUROPA LEAGUE

DI SONIA CAVICCHIA

Un indizio è un indizio. Due indizi sono una prova. E la Lazio in Romania cala il secondo indizio  ripetendo  gli stessi errori tattici e mentali di Ferrara e perde la prima partita di Europa League contro il Cluj. Finisce 2 a 1 per i romeni con le stesse modalità della partita contro la Spal.

Primo tempo arrembante dei biancocelesti ,che vanno in rete con Bastos. Poi un rigore giusto allo scadere dei primi 45 minuti e un gol di distrazione della difesa della Lazio, portano in vantaggio il Cluj, squadra ostica, mai arrendevole. Si arrendono invece gli uomini di Inzaghi. Ripresa da dimenticare, squadra da registrare e da rilanciare nell’umore.

Si salva il solo Correa, in una partita che ha mostrato i soliti limiti mentali dei biancocelesti. E meno male che Celtic e Rennes hanno pareggiato l’ altra partita del girone, limitando i danni della sconfitta in Romania. Altrimenti sarebbe stata subito rincorsa. Quel che è certo è che la Lazio da ora in poi non può più sbagliare, oppure dovrà dire anzitempo addio alla Europa League.